Scomode Verità

Dalla guerra in Ucraina al massacro di Gaza
Prefazione di Piergiorgio Odifreddi

«Israele è una democrazia e ha il diritto di difendersi». Questa è la puerile
argomentazione utilizzata da buona parte di politici e giornalisti per affrontare il conflitto in Palestina. Chiunque osi raccontare quel che è avvenuto negli ultimi decenni viene descritto come filo-Hamas, come un giustificazionista. Stesso schema utilizzato dalla propaganda del blocco occidentale alla vigilia dell’intervento in Afghanistan quando chi si opponeva a quella guerra veniva descritto come filo-talebano. Per non parlare della narrazione bellicista portata avanti dal sistema politico e mediatico d’establishment sulla guerra in Ucraina. Chi chiedeva un negoziato, chi era contrario all’invio di armi, chi ricordava i morti dal 2014 al 2022 veniva insultato: “putiniano d’Italia, collaborazionista del Cremlino, pacifinto”. Mai abbiamo assistito ad un appiattimento politico e culturale come quello che caratterizza i nostri giorni. Il pensiero critico va disinnescato. Il dissenso (anche quando è maggioritario nel Paese) va denigrato. La Storia non va considerata. Eppure c’è stato un tempo in cui la politica non aveva così paura di prendere posizione, un tempo in cui gli intellettuali erano pronti a schierarsi, un tempo in cui atlantismo ed europeismo erano cose diverse. Un tempo in cui il conformismo esisteva sì, ma non ne eravamo circondati al punto da non poter più respirare.

Prezzo:

15.00

Pagine: 157

Anno di Uscita: 2024

Temi: gaza, guerra, Israele, palestina, ucraina

Intervista ad Alessandro Di Battista: “Dall’Ucraina a Gaza, ci mentono per abituarci all’inevitabilità della guerra”

Da Fanpage 02/04/2024 Di Adriano Biondi

‘Scomode verità’ Di Battista affronta il ruolo dei Governi occidentali e dei mass media nella narrazione delle attuali guerre

Da Gazzetta di Napoli 08/04/2024 Di Sara Esposito

Evitiamo gli inganni da Gaza a Mosca

Da Il Fatto Quotidiano 09/04/2024 Di Piergiorgio Odifreddi
Alessandro Di Battista

Alessandro Di Battista

Alessandro Di Battista: reporter, scrittore e attivista politico. Nel 2018 sceglie di non ricandidarsi alle elezioni politiche per dedicarsi alla scrittura e alla produzione di documentari. Ciononostante, contribuisce alla vittoria del M5S realizzando un tour in camper in tutta Italia. Dopo essere risultato il più votato agli Stati Generali del Movimento decide di lasciare i Cinque stelle dopo il sostegno dato da questi ultimi al governo Draghi. Già autore di documentari sull'Iran, sul centro America e sulla Russia realizzati per Loft e di reportage per Il Fatto Quotidiano, dal 2023 scrive per Il Millimetro. È in scena nei teatri d'Italia un monologo sul caso Assange ha fondato un'associazione culturale chiamata “Schierarsi”. Ostinati e contrari è il suo ultimo libro.
Ostinati e contrari

Ostinati e contrari

Alessandro Di Battista prende in prestito le parole di Fabrizio De André e cerca di trovarne il senso più profondo intervistando sei persone che – a vario titolo – hanno remato contro corrente: Alessandro Barbero, Toni Capuozzo, Ilaria Cucchi, Moni Ovadia, Barbara Spinelli, Marina Conte Vannini. 

Contro!

Contro!

Perché opporsi al governo dell'assembramento

Politicamente scorretto

Politicamente scorretto

È proprio quando non si ha più nulla da perdere che si ricomincia a vincere.